Robot o opere d’arte?


Questa è la domanda che ci si pone davanti alle sculture di Massimo Sirelli.

Noi non abbiamo dubbi, i robottini orfani del progresso industriale e del consumismo sfrenato, trovano il loro cuore e la loro anima attraverso l'opera e la ricerca di questo artista calabrese ma torinese d'adozione, che li assembla e cerca di dar loro una nuova "Famiglia".
 
Il progetto nasce dalla voglia di sperimentare unita alla cultura del design del riuso: una forma di creatività consapevole che mette in primo piano l'aspetto emozionale della materia.
 
E cosi piano piano Raffaella, Caterina, Ettore, Tonino sono entrati nel cuore e nelle case di molti, ma anche in alcuni nostri progetti di comunicazione, tipo #LM81 il robot realizzato per Unimec e che sta girando tutto il mondo.
 
Ma il progetto è approdato anche nei luoghi dell’Arte e Massimo sta conducendo l'iniziativa “Un robot per amico”, quattro week end dedicati ai bambini presso la Fondazione Prada
Di lui si parla un gran bene anche su Sky Arte.
 



 

Gallery



 
Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Proseguendo la navigazione accetti i cookies.
Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione e bloccare i Cookie, consulta la nostra Cookie Policy